Come diventare fashion blogger

Come diventare fashion blogger è una domanda a cui circa due anni fa neanche io avrei saputo dare una risposta. Sono qui a darti delle piccole dritte perché quando ci ho provato io non ho trovato molto sul’argomento. Se ti stai chiedendo perché allora io lo sto facendo è perché credo che una delle cose più belle che ci sia nella vita sia la libertà di espressione e in egual misura la condivisione. Scriverò quello che ho imparato in questi quasi due anni di blogging, sperando che possa essere di aiuto a qualcuno.

Come diventare fashion blogger

I miei suggerimenti su come diventare fashion blogger

Punto uno: Una buona piattaforma che ospiti il tuo blog

Fin da subito io ho scelto worpress, in questo caso ho letto in giro che si trattava di una piattaforma gratuita che dava la possibilità di fare un blog piuttosto professionale. Se vuoi però puoi usare Blogger o Tumblr oppure puoi giungere su riviste online che ti danno la possibilità di creare il tuo blog proprio all’interno del loro sito. Utilizza una grafica accattivante ma resta sempre sul semplice. In un blog di moda devi essere tu a catturare l’attenzione, detto ciò non guasta la presenza di qualche accessorio stilizzato carino, magari nell’header ( la parte alta in cui si trova il titolo del blog).

 

Le piattaforme per ospitare fashion blog

Punto due: Il titolo

La scelta del nome da dare al tuo blog è molto importante, ti deve rispecchiare pienamente. Il tocco glam è stato il primo ed unico titolo che mi è venuto in mente pensando al mio blog. Volevo qualcosa di veloce da ricordare ( infondo è anche un modo di dire: un tocco glam) e volevo che rispettasse l’idea di un fashion blog. Decidi con calma il nome da dare al tuo blog ma sentilo dentro. Passiamo adesso al prossimo importante punto nella mia lista di consigli su come diventare fashion blogger.  il Tocco Glam | come diventare fashion blogger

 

Punto tre: i contenuti e le categorie

La parte più difficile di un fashion blog è proprio l’inizio, creare dei contenuti interessanti non è cosa da poco. Personalmente all’inizio scrivevo articoli in cui raccontavo sfilate, esprimevo opinioni, scrivevo post in cui creavo composit delle tendenze del momento ( tutt’ora lo faccio perché mi piace da morire e devo dire che sono post che ricevono molte visite, per farvi un esempio ecco questo mio post sulla collezione Giorgia&Johns autunno/inverno). Per le categorie non bisogna farne tantissime ma devono essere ben differenziate tra loro. Indispensabile se il tuo è un fashion blog in cui mostri i tuoi outfit è la categoria OUTFIT o LOOK. E’ la categoria più cliccata per quanto concerne il mio blog ma non ho dubbi che sia quella più cliccata in assoluto. E’ interessante sia per chi cerca ispirazione per un look che per le aziende che vogliono collaborare con te (per darvi un’idea precisa potete vedere il post sulle All Stars personalizzate). Molto importante è anche l’ ABOUT che deve essere in linea con ciò che sei. Fai un giro sui fashion blog che ti piacciono o che non ti piacciono e leggi i loro About, non copiare ma trai vantaggio e scrivi ciò che vuoi. Io ho scelto di scrivere di me, di farmi conoscere un po’ di più anche se questo è l’unico post su il Tocco Glam che non smetto mai di aggiornare.

 

le categorie migliori da usare in un blog sulla moda

 

Punto quattro: i social network

Indispensabile per una fashion blogger è la CONDIVISIONE (come vedrete questo mio tutorial su come diventare fashion blogger è condiviso su tutti i miei social). Crea una pagina facebook interamente dedicata al tuo blog e aggiornala costantemente non solo con i tuoi post ma interagendo con i tuoi fans attraverso foto e status che posterai. Non essere però assillante, due o tre post al giorno bastano per mantenere viva la tua pagina. Non solo facebook ovviamente, sono tanti i social che puoi sfruttare per far crescere la tua notorietà: Google+ è molto valido, Instagram, Twitter ovviamente e tutti quelli in cui puoi condividere i tuoi post.

 

I social su cui condividere i nostri post

 Punto cinque: Classifiche e affini

Forse sei arrivata sui alcuni fashion blog grazie ad una tanto discussa quanto ambita classifica che circa ogni mese mette in fila i 100 blog di moda più seguiti d’Italia. La classifica dei fashion blog ( trovi il banner qui di fianco a destra) viene stilata tenendo conto di un dato specifico (assieme ad altri elementi) ossia il dato Alexa, più questo dato del tuo blog è basso più il sito è visitato secondo Alexa. Ti stai chiedendo cosa sia Alexa? Alexa è un sito che analizza le statistiche del tuo blog. Non è del tutto affidabile perchè riesce a calcolare le statistiche solo dei siti che hanno installato sul loro browser la sua toolbar ( se ti interessa puoi scaricarla qui: Alexa toolbar). Nella parte degli “affini” io inserisco i link, passa sui blog di altre fashion blogger e lascia un commento ( sensato e senza spam) avrai così modo di farti conoscere un po’ di più.

Punto sei: Collaborazioni

Su questo non è facile parlare, non ci sono regole! Il mio consiglio è di collocare la categoria CONTATTI in alto così che chi vuole inviarti una mail possa agevolmente trovare i tuoi account. Le richieste di collaborazione arriveranno col tempo non temere! Se vuoi puoi far conoscere il tuo blog ai brand o alle aziende che maggiormente ti interessano. Fallo però “responsabilmente” il che significa aspettare che il blog sia avviato, che abbia dei contenuti validi, insomma che il tuo interlocutore possa navigare tra diversi post per farsi davvero un’idea di te. Non è tutto semplice, io sto ancora imparando e spesso ci resto male quando dopo avermi chiesto una collaborazione le aziende spariscono nel nulla senza neanche degnarsi di dare risposta alle mail. Questo però non mi fa perdere di vista l’obiettivo finale: scrivere di ciò che mi piace. Questo post ad esempio mi piace!

 

Alcuni consigli su come diventare fashion blogger

Concludo dicendo che fare un blog non è un lavoro… una fashion blogger che apprezzo tantissimo e che seguo costantemente mi ha detto non molto tempo fa che il blog deve essere un passatempo, un hobby in cui potersi rifugiare nei momenti più difficili e se diventa qualcosa su cui si hanno troppe pretese si rimane delusi da ciò che non si ottiene. La parte bella del blogging è conoscere un mondo nuovo, piano piano, attraverso esperienze che non pensavi di poter fare. Presenziare ad una sfilata, andare ad un evento, fare amicizia con altre blogger, queste sono alcune delle cose belle che mi sono capitate in questo anno e mezzo de Il tocco glam. Ho amato scrivere questo post su come diventare fashion blogger e spero un po’ ti sia servito.

A tutti voi: se volete lasciatemi un commento su cosa vi interesserebbe sapere prossimamente e cercherò di fare un post!

Se vi è piaciuto l’articolo condividetelo sui vostri social. Grazie

 

Condividere i post del fashion blog è una buona abitudine

 

Commenti

  • ELISA

    ottimi consigli!

    Nameless Fashion
    Blog

  • Lisa FashionCulture

    Brava Carmen hai scritto dei consigli essenziali per creare un blog valido e interessante, proprio come il tuo!!

  • pfgstyle

    ottimi consigli cara e poi visto la carriera che hai fatto sono preziosi love

    http://www.pfgstyle.com/2014/06/tendenza-patchwork-pic-nic.html

  • giulia

    Ci voleva proprio una guida che ci aiutasse

  • Fabrizia Spinelli

    Ho apprezzato soprattutto la conclusione di questo post, concetti che spesso molte di noi dimenticano!
    Fabrizia – Cosa Mi Metto???

  • francesca r

    Chi sarà questa fashion blogger?? ih ih ih!!!

    Brava Carmen hai scritto esattamente i consigli giusti, in particolare anche la scelta del nome del blog che deve identificare chi lo scrive!!

    Don’t Call
    Me Fashion Blogger

    Facebook

    Bloglovin’

    • Carmen

      Eh eh Francesca ti dò un indizio: si fa chiamare (s)fashion blogger… è una potenza!

  • Angela Pavese

    condivido. il blog è un gioco ma non per tutti. Tantissime blogger l’hanno trasformato nella loro fonte primaria di reddito quindi attenzione a non pregiudicare il lavoro di chi prima di noi ha lavorato sodo e tanto per trasformare questo strumento in un mezzo potente di comunicazione “fashion” . Inoltre non perdere di vista la realtà, il blog non deve viaggiare solo attraverso i social ma deve trovare anche sbocchi concreti. (mie personali opinioni)
    bacioni ciao

    • Carmen

      Giustissimo Angela, io sono sempre alla ricerca dei consigli giusti ed il tuo mi sembra molto valido!

  • thechilicool

    Perfetti questi consigli utilissimi per chi inizia questa avventura!

    Alessia

    THECHILICOOL
    FACEBOOK
    Kiss

  • elisabetta bertolini

    ciao 😀 sei stata esauriente e super carina a postare questo toutoriale 😀 che possano seguire le tue orme tutte quelle che vogliono fare le fashion blogger 😀

    ELIZABETH BAILEY BLOG

  • Guapita

    un bel manuale…io credo che il punto fondamentale sia: avere qualcosa da comunicare e farlo in maniera autentica e divertente, essendo sempre se stessi e mai banali; avendo quel qualcosa che ci distingue dalla massa si può fare!

  • Ida

    Brava Carmen, quoto tutto quello che hai detto. Per rispondere a tutti i lettori e approfondire ancora di più le questioni… ho creato un vero e proprio corso per diventare blogger e scrivere sul web! Se a qualcuno può interessare e non ti dispiace lascio il link 🙂

    DiventareBlogger

  • Myriam Modemoiselle

    mi piace il taglio che hai dato a questo post però hai dimenticato quello che, secondo me, è il vero punto di forza del blogging: il divertimento!! molta gente ormai apre un blog solo per raccattare un po’ di roba gratis, secondo me quelle sono le blogger peggiori, anzi, non le definisco neppure tali.

  • barbara

    sono ottimi consigli per chi vuole iniziare

    ♡B.

    LOVEHANDMADE.ME

  • FollowingYourPassion

    Precisa e concisa. Ci sarebbe da parlare ore sul come avviare un blog sopratutto sui contenuti validi e una grafica semplice e d’effetto… Niente stelline che cascano dall’altro please!

    Aggiungerei: non svendersi a dx e sx!
    Vedi bliggerine che si venderebbero anche la mamma per un braccialetto!

  • Carola Disiot

    mi piace questo post, ma che non sia un lavoro non sono d’accordo 🙂 per me è partito come hobby e tuttora le è, ma lavorando con tanti brand e fatturando non si può dire che il nostro non sia un lavoro a tutti gli effetti, sostanzialmente siamo un veicolo pubblicitario molto forte per le aziende. Il problema è che non viene riconosciuto in Italia il nostro lavoro ma all’estero sì, detto questo sono d’accordo con te 🙂 un bacione!!!
    p.s. sulle aziende che ti contattano e spariscono cè da scrivere un manuale ahahah

    Pursesinthekitchen.com!

    • Carmen

      In effetti è vero Carola, quando poi cominci a collaborare in maniera seria con un’azienda l’impegno che ci metti è pari a quello che impieghi in un lavoro ma per cominciare bisogna soprattutto essere innamorati di ciò che si vuole fare a prescindere dall’idea che ci possa guadagnare! Le aziende che spariscono sono poco serie e basta!

  • daddysneatness

    Regole d’oro cara Carmen, esposte da chi certamente ormai è del mestiere e lo fa con tanta passione. Vedrai, saranno molto apprezzate, proprio come i contenuti del tuo blog!

    Un bacione,

    Benedetta

    http://www.daddysneatness.com

  • Cristina Lodi

    brava cara, bel post!

  • Donatella Acampora

    Carmen hai dato degli ottimi consigli e anche da questo post si vede tutta la passione che metti in ciò che fai !!!
    Mettere in atto ciò che hai detto è un primo passo per creare un blog ricco di contenuti ed originale come il tuo 🙂
    Continua così e spero di rincontrarti presto!!!
    Un bacione…

    http://www.discoveringtrend.blogspot.it